Disturbo da Incubi

Il Disturbo da Incubi è caratterizzato dal ripetuto presentarsi di sogni terrifici che portano al risveglio dal sonno.

Il soggetto è completamente vigile al risveglio.

I sogni terrifici o le interruzioni del sonno conseguenti ai risvegli provocano nel soggetto uno stress significativo o un cattivo funzionamento nell’area sociale o lavorativa.

Non deve essere presente un altro disturbo mentale, gli incubi non devono essere causati dagli effetti diretti di una sostanza o da una condizione medica generale.

Gli incubi tipicamente si presentano in una sequenza onirica elaborata, prolungata e che provoca ansia intensa o terrore. Più spesso, il contenuto del sogno, mette a fuoco un pericolo fisico imminente per il soggetto, per esempio, inseguimento, attacco, incidente. In altri casi, il pericolo percepito può essere più sottile e riguardare una debolezza o un imbarazzo personali.

Incubi che ricorrono dopo esperienze traumatiche, possono replicare il pericolo o la situazione terrifica originaria, ma la maggior parte degli incubi non rappresenta eventi reali.

Al risveglio, i soggetti con questo disturbo, possono descrivere la sequenza e il contenuto del sogno nei dettagli. I soggetti possono riferire più incubi ripetuti in una data notte, spesso, con un tema ricorrente.

Gli incubi insorgono quasi esclusivamente durante il sonno REM, che ricorre durante la notte periodicamente ogni 90- 110 minuti. Tuttavia, poiché i periodi di sonno REM tipicamente diventano più lunghi e più ricchi di sogni nella seconda metà della notte, gli incubi si verificano con maggiore probabilità in questa seconda metà. 

Gli incubi di solito terminano con un risveglio associato a rapido ritorno della vigilanza piena e a protratto senso di paura o ansietà. Questi fattori spesso comportano la difficoltà di ritornare a dormire.

I Disturbo da Incubi più spesso causa uno stress soggettivo significativo, piuttosto che una dimostrabile menomazione sociale o lavorativa. Tuttavia, se i risvegli notturni sono frequenti o se il soggetto evita di dormire per la paura di fare incubi, egli può sperimentare eccessiva sonnolenza, scadimento delle capacità di concentrazione, depressione, ansia o irritabilità, che interferiscono con le attività quotidiane.

Nei soggetti con Disturbo da Incubi, può essere evidente al risveglio una lieve iperreattività del sistema nervoso autonomo, per esempio, con sudorazione, tachicardia, tachipnea. 

Fra i soggetti con questo disturbo sono comuni sintomi depressivi o d’ansia che non soddisfano però una diagnosi specifica.

I movimenti del corpo e le vocalizzazioni non sono caratteristici del Disturbo da Incubi, in quanto durante il sonno REM vi è la perdita del tono muscolare scheletrico che impedisce i movimenti. 

Quando si verificano fenomeni come il parlare, lo strillare o il dare pugni, molto probabilmente questi fanno parte di un incubo. Questi comportamenti si verificano con maggiore probabilità negli incubi che accompagnano il Disturbo Post-Traumatico da Stress, poiché questi possono verificarsi durante il sonno NREM.

Il Disturbo da Incubi compare con maggiore probabilità nei bambini esposti a gravi fattori di stress psicosociale.

Gli incubi cominciano spesso tra i 3 e i 6 anni. Quando la frequenza è alta , parecchi per settimana, i sogni possono diventare una fonte di stress e preoccupazione per i bambini e per i genitori.

In una minoranza i sogni possono persistere con un’alta frequenza nell’età adulta, diventano virtualmente un disturbo che dura tutta la vita.

Il disturbo ha una tendenza verso il miglioramento nelle ultime decadi.